Dueelle

Codex Purpureus: Patrimonio dell’Umanità… a due passi dal Due Elle Village

Due Elle Village - News, Senza categoria

Codex Purpureus: Patrimonio dell’Umanità… a due passi dal Due Elle Village

E’ uno dei più antichi vangeli illustrati. Nel mondo ce ne sono 7, in Italia uno! Codex Purpureus: Patrimonio dell’Umanità.

Dopo anni di restauro, solo da alcuni anni il Codex Purpureus (riconosciuto nel 2015 dall’Unesco, Patrimonio dell’Umanità), è tornato a casa, nella sua dimora a Rossano Calabro, città bizantina ricca di storia a pochissimi chilometri dal nostro villaggio.

 

Guarda il video

Rossano alle luci della ribalta con le #giornatefai FAI – Fondo Ambiente Italiano

Pubblicato da Delegazione FAI – Cosenza su Sabato 25 marzo 2017

 

Cos’è il Codex Purpureus Rossanensis

Il Codex Purpureus Rossanensis, opera bizantina del VI secolo dopo cristo, è uno straordinario manoscritto con la particolare colorazione porpora delle carte, importante sia dal punto di vista religioso che della manifattura è composto da 188 fogli di pergamena della dimensione di 31 cmX26 numerati e con la scrittura in onciale in oro, argento e inchiostri neri, contiene l’intero Vangelo di Matteo, parte del Vangelo di Marco mentre sono andati perduti i Vangeli di Luca e Giovanni. Dal punto di vista della decorazione miniata tredici miniature sono dedicate alla vita di Cristo, una ai quattro evangelisti, parte della Lettera di Eusebio a Carpiano è racchiusa in una decorazione aurea e contiene una miniatura di Marco evangelista con la Sofia. Pur essendo mancante di molte pagine, il Codice Rossanensis è il più prezioso dei codici onciali dell’antichità ed è l’unico rilegato.

L’importanza storica del Codex Purpureus Rossanensis

Studiato sin dalla fine dell’800, venne fotografato agli inizi del ‘900 documentandone così lo stato di conservazione, negli anni Venti venne restaurato da Nestore Leoni, miniaturista di fama che consolidò e stirò le pergamene con una gelatina a caldo. Un procedimento che purtroppo modificò in maniera irreversibile l’aspetto delle pagine miniate eccetto per la carta contenente la miniatura di Marco Evangelista con Sofia, l’unica risparmiata che permette quindi un confronto immediato per come doveva essere in origine il manoscritto. Questo ha permesso, a distanza di sedici secoli a studiosi di diverse discipline di analizzare la tecnica di esecuzione e i materiali usati per la miniatura che ci appare oggi come quando fu realizzata. Il complesso restauro si è svolto sotto la guida della direttrice dell’ ICRCPAL Maria Letizia Sebastiani e dell’ex direttrice dell’istituto Maria Cristina Misiti e, dopo quattro anni, ha fatto il suo ritorno al Museo Diocesano di Arte Sacra dell’Arcidiocesi di Rossano-Cariati in un area dedicata e concepita per permettere ai visitatori di ammirare l’antico manoscritto e le splendide miniature.

 

La Piana di Sibari, per il Codex Purpureus Rossanensis e tutte le altre straordinarie eredità storiche che vi stiamo proponendo sul nostro blog, rendono il Due Elle Village il posto ideale non solo per il relax garantito da una struttura al top e dalle bellezze naturali come il mare cristallino, il clima perfetto e un paesaggio mozzafiato, ma anche per le inestimabili perle culturali che rendono unica la nostra terra. Vi aspettiamo!

Prenota al Due Elle Village!

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Dansk DA English EN Français FR Deutsch DE Italiano IT Español ES Svenska SV